fbpx

Morathi, Sommo Oracolo di Khaine, ha messo gli occhi sul premio più ambito di tutti: il potere di una dea! Mentre una guerra furiosa consuma i Reami Mortali, l’impero delle ombre di Hagg Nar fa la sua ambiziosa mossa per il potere. La crudele e astuta Morathi, sovrana delle Daughters of Khaine, vuole reclamare il proprio posto come dea, ma per farlo deve sacrificare il passato, farsi nuovi nemici e versare il sangue di rivali e alleati!

I Reami Mortali non saranno più gli stessi. Con Broken Realms: Morathi inizia una nuova era per Warhammer Age of Sigmar caratterizzata da cambiamenti epocali nello status quo, storie epiche e nuove regole per la tua armata indipendentemente dal modo in cui preferisci giocare. Parte supplemento narrativo, parte libro delle regole, questo primo volume di Broken Realms ti permette di immergerti nel conflitto più feroce della storia dei Reami Mortali.

All’interno di questo libro con copertina rigida da 120 pagine troverai:

– L’epica storia dell’ascesa di Morathi alla divinità (e il suo tradimento a Sigmar!) accompagnata da nuove illustrazioni spettacolari.

– Nuove regole per Morathi che rappresentano i suoi nuovi poteri, oltre a una nuova sottofazione delle Daughters of Khaine che dona potenti bonus alle Scáthborn della guardia personale di Morathi.

– Due nuovi set di abilità della fedeltà per le Città di Sigmar che rappresentano Anvilgard dopo l’annessione (ora è chiamata Har Kuron) e il regno d’ombra di Misthåvn, ciascuna con proprie abilità, manufatti, tratti di comando e molto altro.

– Regole per le armate delle Stormkeeps, forze difensive degli Stormcast Eternals in cui inviolabili muri di scudi di Liberators combattono fianco a fianco con ausiliari umani.

– Importanti aggiornamenti per gli Idoneth Deepkin, mirati a rendere le tue bestie marine ancora più pericolose grazie a Tratti delle Cavalcature e molto altro.

– Battaglioni di warscrolls per potenziare le tue armate delle Città di Sigmar, Stormcast Eternals, Daughters of Khaine, Slaves to Darkness e Idoneth Deepkin.